Due le ipotesi più rilevanti su cui si sta lavorando per riavviare la produzione. Impegno comune per dare continuità occupazionale ai lavoratori.

Si è riunito ieri 17 luglio 2019, a Roma, il tavolo di lavoro in occasione del quale è stato presentato il percorso fin qui svolto per il processo di reindustrializzazione e di ricollocamento attivo condotto da Sernet per l’azienda belga Bekaert.

Nel corso della riunione sono stati presentati ai rappresentanti nazionali e regionali delle Istituzioni e delle Organizzazioni Sindacali gli aggiornamenti sulle molteplici attività svolte e i positivi passi avanti fatti.

Le attività di ricerca e selezione di possibili soggetti reindustrializzatori, tutt’ora in corso anche con il supporto del Mise e dell’unità di coordinamento Attrazione Investimenti Esteri di ICE-ITA (ItalianTrade Agency), hanno prodotto molteplici contatti, con alcune concrete possibilità di reindustrializzazione. Tra le ipotesi più rilevanti su cui si sta lavorando (di concerto col Mise e Invitalia) quella di un’azienda italiana, attiva nel settore delle lavorazioni metalliche, che ha presentato un piano industriale per la produzione a Figline di “filo di tubo” con la previsione di assumere nel primo anno di attività 90 lavoratori Bekaert, numero che si vorrebbe poi portare a crescere nel triennio successivo. Confermato anche l’interesse ad una reindustrializzazione della multinazionale Bielorussa BMZ, con la quale proseguono fitti contatti informativi a tutti i livelli, propedeutici alla presentazione del piano industriale.

Sernet inoltre, sempre in collaborazione con le parti sociali coinvolte, sta guidando le ulteriori attività di ricerca e supporto per i lavoratori interessati, finalizzate alla loro continuità occupazionale, che sono, oltre alla reindustrializzazione, il ricollocamento attivo, l’outplacement e la riqualificazione.

Sul fronte del ricollocamento attivo dei lavoratori (a condizioni incentivate a favore dei datori di lavoro, aggiuntive oltre a quelle di legge), sono state intercettate sin ora 193 offerte di lavoro compatibili con i profili dei lavoratori, di cui 39 ancora disponibili, e sta proseguendo il matching tra domanda e offerta e il lavoro volto a facilitare e gestire gli incontri conoscitivi tra azienda e lavoratori. I distaccati o ricollocati presso altre aziende sono attualmente 52, mentre per altri 8 è in corso l’iter di attivazione del distacco o si è in attesa dell’esito del colloquio o dell’assunzione.

 

(Ministero dello Sviluppo Economico, 17/07/2019)

 

Ti informiamo che il nostro sito utilizza cookie al fine di migliorare la fruibilità del sito. Accedendo ai contenuto di questo sito accetti l'utilizzo di questi cookie. Per maggiori informazioni ti chiediamo di consultare la nostra Privacy e Cookie Policy Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi